Falvaterra (Fr). I solenni funerali di padre Renato Santilli

IMG_20140223_162044IMG_20140223_162056IMG_20140223_162128IMG_20140223_153816

Si sono svolti, oggi pomeriggio, domenica 23 febbraio 2014, dalle ore 15,30 alle 17.00, i solenni funerali di padre Renato Santilli, religioso passionista. Il rito funebre è stato presieduto dal vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino, monsignor Ambrogio Spreafico, e si è svolto nella Chiesa di San Sosio Martire in Falvaterra (Fr). Con il Vescovo ha concelebrato il superiore provinciale, padre Mario Caccavale, il superiore della comunità, Ermellino Di Mascio e altri 40 sacerdoti, tra religiosi passionisti di varie comunità, altri istituti religiosi e sacerdoti diocesani. La Chiesa di S.Sosio era strapiena e i fedeli sono venuti dai Comuni vicini, ma anche da Itri ed altre località del Sud Pontino, dove padre Renato era conosciuto ed apprezzato, essendo stato per un ventennio Rettore della Civita. La messa è stata animata dalla corale di S.Sosio, la parola di Dio è stata proclamata dai fedeli della parrocchi di Falvaterra, dove per 10 anni, dal 2003 al 2013 padre Renato ha svolto l’ufficio di parroco. Dopo la proclamazione del Vangelo è stato padre Mario Caccavale a tenere la riflessione sulla parola di Dio e sul significato del vivere e morire di un cristiano e di un sacerdote in particolare. Dopo la comunione ha preso la parola, padre Giuseppe Comparelli per tracciare sinteticamente la biografia di padre Renato dalla sua nascita alla sua morte. A seguire l’intervento del Vescovo che ha voluto mettere in risalto la simpatia e la giovialità di padre Renato. “Solo chi vive in Dio ed è vicino al Signore riesce ad essere simpatico e gioioso. E padre Renato era tale, perché viveva la sua forte esperienza di comunione con Dio come religioso e sacerdote”. Prima della benedizione del feretro e il trasferimento della salma nella cappella cimiteriale del Ritiro di S.Sosio, ha preso la parola il superiore della casa, padre Ermellino Di Mascio per ringraziare, a nome dei passionisti e dei parenti di padre Renato,  tutti i presenti e quanti erano stati vicino a padre Renato nel momento della sofferenza. Dopo la benedizione della bara, le spoglie mortali di padre Renato in corteo sono state portate al cimitero del Convento dove ha ricevuto degna sepoltura tra i tanti confratelli santi e nella gloria di Dio che sono vissuto e morti a Falvaterra, nella sua terra d’origine, da dove partiva da ragazzino per farsi passionista e dove ha concluso i suoi giorni nella serenità, attorniato dai confratelli che hanno accolto il suo ultimo respiro e il suo ultimo grazie a Dio e alla Vergine della Civita, di cui era un devoto appassionato e fortemente motivato da profondi principi spirituali. Nel commentare la morte di padre Renato, l’ex-superiore provinciale padre Antonio Rungi, presente alle esequie ha detto in poche parole ciò che padre Renato è stato: un religioso esemplare per vita, generosità, dedizione e passione a Gesù e alla Madonna, un coraggioso apostolo del Vangelo che era sempre in prima linea a favore dei più poveri e bisognosi del territorio e del mondo. Abbiamo perso un amico, una persona saggia, una persona solare e trasparente, nonostante, come tutti, con i suoi limiti e difetti”. Grazie padre Renato e riposa in pace vicino a San Paolo della Croce, alla Madonna Addolorata a Cristo Crocifisso e Risorto, in attesa della risurrezione finale”.

Falvaterra (Fr). I solenni funerali di padre Renato Santilliultima modifica: 2014-02-23T19:48:29+01:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento